Domenica, 22 Ottobre 2017

È arrivata la nuova opera!

una strana giornata di pioggia IMAGE

Una strana giornata di pioggia. Inquieto ho dormito male. Il rito del pavone all'alba guadagnata e non ancora ... inibita. Il contrattempo...

Leggi tutto...
"Sticomitia" recensione del prof Luigi Ruggiero IMAGE

“Sticomitia” la silloge poetica di Fausto Burdino Una nota di Luigi Ruggiero - In ogni lirica il verso è un discorso, ogni verso, gaio e...

Leggi tutto...
Camici stinti... sanità di ieri e di oggi IMAGE

Nel marasma del sozzume sanitario, agli albori della professione infermieristica, i baroni in camice bianco sguazzavano col salvagente idiota,...

Leggi tutto...
Omaggio. a Mister Nicola ( Kr Calcio ) IMAGE

Lungi da me ad avere l’ultima parola … E’ un pensiero libero che mi sento di esprimere, e basta. La salvezza conquistata all’ultima giornata...

Leggi tutto...
Con la silloge 'Sticomitia' Burdino fotografa poeticamente la realtà IMAGE

  Articolo pubblicato su 'Il QUOTIDIANO DELLA CALABRIA' del 21 maggio 2017  

Leggi tutto...
Burdino, l'infermiere che coi versi racconta le emozioni IMAGE

Articolo su Fausto Burdino e le sue poesie sulla Gazzetta del Sud

Leggi tutto...

 

"Il Limite dell'Infinito" in libreria

 

Arrivò la voce richiamò dal torpore
indicò il punto circoscritto.
Verrà ancora la sua voce urlera'
forte la verità.
L'incubo, l'angoscia, il mondo a pezzi,
la bestemmia che tempra e impreca
l'anima buona, l'ora ferma
in quella decisione libera;
il tormento nelle notti senza sonno.
Si placheranno le acque, riposera'
il respiro l'alito fresco
della brezza, il sole farà breccia
nel cuore dell'uomo umile
e l'inferno avrà fine.
 

 

ESTASI - TRATTO DA "LA FARFALLA E LA ROSA"

IN THE ROCK WE LIVE

Testi di Fausto Burdino,  musiche di Mr. Fender

 

Fausto Burdino Libri

 

Foto eventi

 

 

 

 

 

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Get Adobe Flash player

foto fausto burdino

 

Il borgo dei silenzi

 

Acqua di sorgente e aria pura,

in mezzo i golfi di Calabria

e i boschi delle Serre.

Addio alle pendici

che la valle ammira.

L'amor infranto e il disprezzo.

La leggiadria di un volto caro

tra i ricordi.

Omessa memoria, quasi l'oblio.

Polvere di rimpianti

nelle vie senza rumori.

Inatteso brusio

tra le finestre senza vetri;

nidi sotto le gronde già ospitali.

Ripenso a un volo

sugli anni innocenti,

quell'avventura

sospinta dai venti e il triste

sorriso tra i denti.

Il pensier fero ritorna

nei sogni insonni,

nel natio deserto

e nel freddo perduto,

ove il sole illumina

le amate cose.